Andrew Huberman

Esplora la neuroscienza e il benessere con il rinomato neuroscienziato Dr. Andrew Huberman.

Ascolta il suo podcast Huberman Lab, dove condivide strumenti basati sulla scienza per migliorare la vita quotidiana. Scopri approfondimenti sulla salute mentale, sonno, e ottimizzazione delle prestazioni cognitive.

andrew huberman

Entra nel canale Telegram di NeuroBoost e rimani aggiornato sulle ultime novità in questo campo

Chi è Andrew Huberman ?

Il dottor Andrew Huberman è un neuroscienziato e professore di neurobiologia presso la Stanford University School of Medicine.

È noto per il suo lavoro nel campo della neurobiologia della visione e del cervello. Ha contribuito a numerosi studi sulla plasticità cerebrale, l’apprendimento visivo, il sonno e altri aspetti delle neuroscienze. Il dottor Huberman è anche impegnato nella divulgazione scientifica e nell’educazione pubblica. Ha creato contenuti educativi su YouTube e podcast per condividere informazioni sulla visione e la salute generale del cervello con il pubblico.

I suoi sforzi si concentrano sulla traduzione della ricerca scientifica in informazioni accessibili per il pubblico.

Andrew Huberman in italiano

Puoi trovare informazioni in italiano su Andrew Huberman seguendoci sui nostri social e leggendo informazioni qui sul blog.

Huberman Lab

Il laboratorio di Andrew Huberman, noto come Huberman Lab, è situato presso la Stanford University School of Medicine.

Questo laboratorio è dedicato alla ricerca nel campo della neurobiologia, concentrandosi su vari aspetti, tra cui la visione, la plasticità cerebrale, l’apprendimento visivo e il sonno.

Le attività del laboratorio coinvolgono la conduzione di esperimenti scientifici, la pubblicazione di studi accademici e la formazione di studenti di dottorato e ricercatori post-dottorato.

Andrew Huberman è coinvolto attivamente nella ricerca e nella divulgazione scientifica, cercando di condividere le conoscenze acquisite nel campo della neurobiologia con il pubblico più ampio attraverso vari mezzi, come YouTube e podcast.

L’obiettivo principale del laboratorio è contribuire alla comprensione dei meccanismi cerebrali e della neurobiologia per avanzare nella conoscenza scientifica e migliorare la salute del cervello. Tieni presente che i dettagli specifici delle attività del laboratorio possono variare e sono soggetti a cambiamenti nel tempo.

Per ulteriori informazioni aggiornate, potresti consultare direttamente il sito web ufficiale del laboratorio o altre fonti accademiche.

Scegli cosa vuoi ricevere...

Andrew Huberman Routine

La routine mattutina di Andrew Huberman comprende diverse attività che integrano l’attenzione alla salute del cervello, la nutrizione, l’esposizione alla luce naturale, l’esercizio fisico e altre pratiche. Di seguito è riportata una breve descrizione di alcune parti chiave della sua routine:

5:30-6:30 AM: Risveglio Naturale

Andrew Huberman si sveglia naturalmente tra le 5:30 e le 6:30 senza l’uso di una sveglia. Crede che svegliarsi presto aiuti a sentirsi più energizzati e concentrati durante il giorno e contribuisca a regolare i ritmi circadiani per migliorare la qualità del sonno.

6:00 AM: Idratazione Mattutina

Beve 2 bicchieri d’acqua e assume integratori come AG1 di Athletic Greens e LMNT. AG1 fornisce importanti vitamine, minerali e probiotici, mentre LMNT è una bevanda elettrolitica che aiuta il sistema nervoso e neuronale.

6:00 AM: Yoga Nidra (10-35 min)

Pratica Yoga Nidra per 10-35 minuti per ottenere uno stato simile al sonno, ripristinare la dopamina, ridurre il cortisolo e soddisfare il bisogno totale di sonno.

6:45 AM: Esposizione al Sole

Si espone al sole per 2-10 minuti mentre cammina per stimolare la produzione di cortisolo e preparare il corpo per il sonno notturno. Suggerisce l’uso di luce artificiale se il sole non è ancora sorto.

7:00 AM: Esposizione al Freddo

Pratica l’esposizione al freddo, come immersioni in acqua fredda o docce fredde, per benefici come aumento di energia, concentrazione, resistenza e recupero fisico.

7:30 AM: Allenamento (60 min)

Segue un programma di allenamento settimanale con attività come resistenza, allenamento delle gambe, cicli di caldo/freddo, spinte/tiri del torso, cardio ad alta intensità, etc.

10:00 AM: Caffeina Mattutina

Ritarda l’assunzione di caffeina di 2 ore dopo il risveglio per la regolazione dell’adenosina. Preferisce il mate all’acqua per l’allenamento, sottolineando l’importanza di limitare la caffeina dopo le 16:00.

13:00: Primo Pasto

Pratica il digiuno intermittente, generalmente digiunando per 12-16 ore e consumando il primo pasto nel primo pomeriggio. Solitamente, il pasto consiste in cibi a basso contenuto di carboidrati come carne e verdure, ma potrebbe aggiungere carboidrati come riso o avena dopo un esercizio intenso.

15:00: Yoga Nidra (30 min)

Andrew Huberman pratica Yoga Nidra per 30 minuti, con l’opzione di un’ulteriore sessione da 10-30 minuti se si sente ancora poco riposato. Il Yoga Nidra è noto per ripristinare la dopamina, ridurre il cortisolo e migliorare la qualità del sonno.

18:30: Cardio Serale

Il cardio serale può offrire benefici, secondo Huberman, che suggerisce che può essere più vantaggioso rispetto all’allenamento con pesi la sera. Tuttavia, enfatizza l’importanza di fare ciò che risulta comodo per la persona.

19:00: Cena

Consuma il pasto serale 3-4 ore prima di coricarsi. Preferisce carboidrati per rifornire i livelli di glicogeno e favorire il sonno. Evita di consumare troppa carne prima di dormire per evitare una lunga elaborazione gastrica.

21:30: Riduzione dell’illuminazione

Diminuisce l’intensità delle luci per prepararsi al sonno. Raccomanda di evitare luci forti, specialmente tra le 22:00 e le 4:00. Suggerisce l’uso di luci di colore più caldo e raccomanda gli occhiali anti luce blu per mitigare gli effetti negativi della luce blu in serata.

22:00: Lettura

Legge prima di andare a dormire, con menzione di alcuni libri notevoli tra cui “Outlive: The Science and Art of Longevity”, “Why We Sleep: Unlocking the Power of Sleep and Dreams”, e “Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones”.

22:30: Sonno

Si prepara per dormire, garantendo di dormire almeno 6,5 ore. Huberman sottolinea che il sonno è il miglior nootropico, riduttore dello stress, rilasciatore di traumi, potenziatore del sistema immunitario e stabilizzatore emotivo. Suggerisce anche l’uso di supplementi per il sonno, tra cui magnesio treonato, l-teanina, apigenina, glicina e GABA.

La routine di Andrew Huberman è incentrata sull’ottimizzazione del sonno, che considera fondamentale per la salute mentale e fisica. Si raccomanda di personalizzare la routine in base alle esigenze e alle risposte individuali.

Scegli cosa vuoi ricevere...

Andrew Huberman Podcast

Huberman Lab Podcast, regolarmente classificato come il podcast sulla salute numero 1 al mondo, è condotto dal Dr. Huberman e affronta temi legati alla scienza e agli strumenti basati sulla scienza per la vita quotidiana.

Nuovi episodi vengono pubblicati ogni lunedì.

Andrew Huberman Integratori

Andrew Huberman, neuroscienziato e professore presso la Stanford University School of Medicine, ha condiviso informazioni sui supplementi che utilizza durante la sua routine.

È importante notare che l’efficacia e la sicurezza di qualsiasi integratore possono variare da persona a persona, e prima di iniziare qualsiasi regime di integratori, è consigliabile consultare un professionista della salute. Di seguito sono elencati alcuni integratori menzionati da Andrew Huberman:

  1. Magnesium Treonato: Un tipo di magnesio che può attraversare la barriera emato-encefalica. Huberman ha affermato che questo tipo di magnesio può contribuire a migliorare la qualità del sonno.

  2. L-Teanina: Un aminoacido presente principalmente nel tè verde. Huberman ha suggerito che la teanina può contribuire a ridurre l’ansia e migliorare la concentrazione.

  3. Apigenina: Un flavonoide presente in alcune piante, incluso il prezzemolo. Ha menzionato che l’apigenina può svolgere un ruolo nel migliorare la qualità del sonno.

  4. Glicina: Un aminoacido che ha un ruolo nella formazione delle proteine e può anche avere effetti calmanti. Huberman ha menzionato che lo usa occasionalmente per migliorare la capacità di addormentarsi.

  5. GABA (acido gamma-aminobutirrico): Un neurotrasmettitore inibitorio. Huberman ha menzionato che lo usa insieme alla glicina per migliorare la sua capacità di addormentarsi.

  6. Nootropi: i nootropi sono sostanze che possono aiutare e migliorare le performance cognitive.

È fondamentale notare che le dosi e la frequenza di assunzione possono variare a seconda delle esigenze individuali e delle risposte al trattamento.

Scarica la nostra guida sui nootropi. Clicca QUI sotto